Come ti asciugo lo smalto: rimedio casalingo economico

Asciugatura Smalto

Articolo letto 771 volte

Nell’articolo Sulla punta delle dita ho parlato dello smalto: della sua tossicità, del modo migliore di utilizzarlo, riciclarlo e alcune tecniche per risparmiare.

C’è un argomento sul quale non ho detto praticamente nulla: l’asciugatura. Non per dimenticanza ma perché non avevo ancora qualcosa di realmente efficace da suggerire.

L’asciugatura dello smalto è essenziale per le smaltofile poco pazienti.

Diamo un’occhiata al passato ripescando nel mio vissuto:

  • Trucchi della Nonna: soffiare sulle unghie, agitare le mani
  • Trucchi della Mamma: passare le unghie sotto l’acqua gelata
  • Anni 80: lo spray asciuga smalto c’era già
  • Anni 90: smalti ad asciugatura rapida
  • Anni 2000: smalti ad asciugatura sempre più rapida: 60 secondi
  • 2013: gocce asciuga smalto, sostanza oleosa da dosare con contagocce sull’unghia, spray con la stessa funzione (già visto negli anni 80)

Il Rimedio fai da Me

Il rimedio fai da me credo sia imbattibile. Triplo effetto, risultato ottimale: lo smalto asciuga, le cuticole si ammorbidiscono e le mani ringraziano.

Come? Attendere giusto un poco dopo la stesura, quel tanto che basta a rendere lo smalto più stabile, e poi spalmare le unghie con la vostra crema per le mani preferita.

Ma come la crema mani? Non esisteva anche ai tempi della nonna? Certo, solo che poi le grandi aziende cosmetiche come fanno a venderci una boccetta di liquido oleoso a quasi dieci euro?

Le gocce asciuga smalto contengono paraffina liquida, siliconi o similari…. ma le creme anche: il trucco è svelato! Conviene imparare a leggere gli INCI.

Per verificare la situazione dello smalto faccio combaciare leggermente unghia contro unghia: se appiccicano poco poco è il momento giusto. E se si appiccicano? Peccato! Bisogna ricominciare. Parola d’ordine: delicatezza.

Subito dopo la crema ripetendo la collisione fra le unghie verificherete l’affidabilità della mia tecnica.

L’ho testata solo con alcune marche e alcuni tipi di smalto, anche a basso costo, non garantistico quindi la riuscita dell’operazione con tutti gli smalti del mondo. Ma di solito con quelli non perlati va a buon fine. Portate pazienza.

Se utilizzi metodi più efficaci non esitare a condividerli!
Forse ti interessa...

Londra… degli scoiattoli

2010-08-16 20:29:04
megalis

1

Ancóra mare

2017-04-15 00:00:36
megalis

1

Raccontare per immagini o con le parole?

2017-03-28 14:39:34
megalis

1

Pop In – porta oggetti con colore

2013-06-21 11:24:00
megalis

1

Boopen: il self Publishing è anche questo

2010-11-10 11:37:13
megalis

1

La felicità in un nonnulla

2013-08-20 19:18:17
megalis

1

Sacro e Profano

2009-06-30 20:18:11
megalis

1

Esperienze Teatrali

2011-11-21 12:18:19
megalis

1

Megalis è lo pseudonimo di Giuseppina Ricci.
Nata quasi per caso in una città di mare nella primavera del millenovecentosettantatre, abito a Roma dove lavoro come consulente informatico. Scrivo perché ne sento il bisogno come dell’acqua e dell’aria, ma una sola passione non mi basta e così mi nutro di mille interessi che lascio confluire nelle mie storie. Ancestrale il richiamo della natura, dettato dalle mie origini abruzzesi, passeggiando nei boschi pratico l’arte di liberarmi del superfluo, parlare col vento è il miglior antidoto alla pagina bianca.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *