Hai un manoscritto nel cassetto?

Trampolino Editore Manoscritto Emergenti

Articolo letto 395 volte

Se hai un manoscritto, potresti trovare interessante l’iniziativa del Trampolino Editore: un fantastico tour dedicato agli autori emergenti.

Ho ricevuto il loro invito via email e ho pensato di condividerlo subito con te, che di sicuro hai romanzo nel cassetto.

Io, per una volta che vengono gli editori a cercarmi, non ho nulla di pronto e un po’ mi dispiace. Non so se avrebbero selezionato la mia opera, ma per saperlo avrei dovuto provarci.

Il Tour italiano, prima tappa a Roma il 12 ottobre presso il Teatro Kopò, potrebbe portare al Trampolino una certa visibilità di cui, per riflesso, godrebbero anche agli autori emergenti, a cui sarà proposto un contratto di pubblicazione. Contratto, a quanto pare, senza costi aggiuntivi, se non il duro lavoro di scrittore.

Non perdere tempo e cogli l’occasione: prepara la tua sinossi e iscriviti direttamente sul loro sito.

Se hai dubbi e perplessità puoi farti un’idea leggendo l’animata discussione sul forum di Writer’s Dream, a cui ha preso parte l’editore stesso.

Non perdere la tua occasione e fammi sapere come è andata
Forse ti interessa...

Pensiero d’Inverno in Autunno

2009-10-19 11:16:16
megalis

1

Mamma

2009-01-20 15:14:12
megalis

1

Come darmi torto

2009-03-01 13:45:24
megalis

1

Ancóra mare

2017-04-15 00:00:36
megalis

1

Avvisi

2010-07-30 07:04:15
megalis

1

Raccontare per immagini o con le parole?

2017-03-28 14:39:34
megalis

1

Bambini

2010-10-08 16:44:23
megalis

1

Megalis è lo pseudonimo di Giuseppina Ricci.
Nata quasi per caso in una città di mare nella primavera del millenovecentosettantatre, abito a Roma dove lavoro come consulente informatico. Scrivo perché ne sento il bisogno come dell’acqua e dell’aria, ma una sola passione non mi basta e così mi nutro di mille interessi che lascio confluire nelle mie storie. Ancestrale il richiamo della natura, dettato dalle mie origini abruzzesi, passeggiando nei boschi pratico l’arte di liberarmi del superfluo, parlare col vento è il miglior antidoto alla pagina bianca.

2 comments

    1. Le case editrici bisogna testarle di persona perché nel tempo le regole contrattuali cambiano perciò le indicazioni che si trovano in rete non sempre corrispondono alla situazione attuale. Poi, bisogna anche tenere conto della reale visibilità che si ottiene dal pubblicare con loro, altrimenti tanto vale tenerlo nel cassetto o passare al self publishing.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *